link
WhatsApp:

Julian Nagelsmann, il predestinato.>


Nagelsamann è il più giovane allenatore ad aver esordito in Bundesliga, guidando l’Hoffenheim, e il più precoce a guidare una squadra nelle semifinali di Champions League.

La carriera del tecnico tedesco ha preso forma molto presto a seguito di un problema al ginocchio che gli impediva di giocare con regolarità.

Nagelsmann, che giocava da difensore nella seconda squadra dell'Augusta, proprio a causa dei problemi fisici fu costretto a fermarsi e non potendo finire la stagione si mise a fare l'osservatore per il suo allenatore, un certo Thomas Tuchel.
Dopo quella parentesi Nagelsmann torna al Monaco 1860, società con la quale se era formato nelle giovanili, dove attenne l'incarico di vice nell'under 17. E' la stagione 2008/09 e Nagelsmann ha poco più di vent’anni.
Nel gennaio del 2013 si trasferisce all'Hoffenheim dove inizia, sempre come vice-allenatore dell'Under 17, il suo percorso che lo porterà a scalare rapidamente le categorie.

Nel febbraio 2016, il giovane Julian lascia la guida dell'under 19 per sostituire Huub Stevens sulla panchina della prima squadra, relegata al penultimo posto in Bundesliga.

A Nagelsmann riesce l'impresa di salvare la squadra e viene riconfermato sulla panchina dell'Hoffenheim.

Nelle stagioni successive centra un quarto e un terzo posto, portando il piccolo Hoffenheim a qualificarsi per la prima volta nella sua storia alla Champions League.

Le qualità di Nagelsmann colpiscono Ralf Rangnick che lo prende al Lipsia quando è ancora sotto contratto con l'Hoffenheim. Negelsmann onora il contratto con il club che lo ha lanciato e va a Lipsia solo dopo la conclusione della stagione scorsa.

Con il suo nuovo club Nagelsmann conquista la vetta della Bundesliga e si laurea campione d'inverno. Il “ritorno prepotente” del Bayern nella seconda parte della stagione spegne però i sogni di gloria della squadra di Lipsia che conclude il campionato in terza posizione.

Il Lipsia di Nagelsmann è una squadra che cambia costantemente modulo di gioco e interpreti.

A seguire, in grafica, abbiamo riportato gli schieramenti utilizzati dal Lipsia contro Atletico Madrid, Augusta (ultima gara di Bundes), Tottenham e Bayern Monaco.


Nagelsmann pur essendo un allenatore giovanissimo ha già dimostrato di possedere grandi conoscenze e competenze in ambito strategico e tattico, oltre a una spiccata predisposizione per le relazioni umane.

Il tecnico tedesco ha rivelato che ama confrontarsi e coinvolgere i giocatori, che non devono essere dei soldatini.

Anche da un punto di vista didattico Nagelsmann è molto bravo e, come si evince dalla visione delle proposte, l'idea è quella di variare spazi, numero di giocatori, disposizioni, regole.

L'obiettivo non è quello di "allenare le azioni" ma le reazioni e le risposte che i giocatori devono saper produrre in funzione delle situazioni.

I principi rimangono saldi mentre varia il modo di allenare e agevolare l'acquisizione dei concetti da parte dei giocatori.

Il giocatore deve avere libertà di creare mentre il compito del tecnico è quello di "complicare" le esercitazioni per far si che in partita le cose, per il calciatore, siano più semplici che in allenamento.

Non ci si basa sulla ripetitività ma piuttosto sulla capacità del giocatore di risolvere le situazioni attraverso la collaborazione e la propria creatività.

Ecco a seguire i video di alcuni esercizi tratti dalle sessioni di allenamento del tecnico tedesco.

Dalla didattica di Nagelsmann: rondo 7 vs 2 con scatto dietro al paletto a chiamata

Dalla didattica di Nagelsmann: rondo in doppio spazio 5 vs 2

Dalla didattica di Nagelsmann: partita 3 vs 3 + 1 jolly e 2 sponde

Dalla didattica di Nagelsmann: partita 9 vs 9 + 1 jolly con sei porte

Dalla didattica di Nagelsmann: Possesso palla 8 vs 8 + 2 jolly con sei porte

Dalla didattica di Nagelsmann: partita a tema 9 vs 9 + 1 jolly per la costruzione e lo sviluppo dell´azione

Dalla didattica di Nagelsmann: possesso palla 4 vs 4 + 4 sponde con quattro porte

Dalla didattica di Nagelsmann: possesso palla 8 vs 8 + 2 jolly + 4 sponde con quattro porte

Dalla didattica di Nagelsmann: partita a settori 5 vs 4 + 4 vs 2 (per transizioni)